La corsa di Muhammad Ali

0

“Mi svegliavo tutte le mattine ‪alle 6:00‬ per la corsa ed all’inizio non ce la facevo: il percorso da fare era troppo lungo. I giornali pompavano Liston perché era imbattibile, e quando non finivo il percorso di running mattutino mi sentivo inutile. Andavo in palestra il pomeriggio, mi buttavo a terra, non contavo i piegamenti, salivo sul ring per i guanti, le prendevo e l’allenatore mi correggeva spesso gli stessi errori.
Come lo batti Liston? Mi chiedevano in privato. Rispondevo: non lo so.
Liston era grosso, famoso, cattivo, veloce, forte, ma c’è un momento in cui la corsa alla mattina inizia a pesare di meno e tu inizi a correre più forte. Quando andai sul ring, Liston lo vedevo lento come una lumaca. E questo successe solo perché fallendo, in palestra, mentre dentro bruciava tutto, ho sempre riprovato a credere in me”.

[Muhammad Ali]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *